Gravidanza, dopo i 40 i rischi rimangono costanti

Lunedì, 11 Marzo 2019

Avere un bambino a 50 anni è diventata prassi ormai comune soprattutto nei paesi occidentali. Uno studio del Ben-Gurion University of the Negev e della Soroka University Medical Center segnala che una volta superati i 40 anni, i rischi connessi con la gravidanza non continuano ad aumentare.


Una gravidanza a 40 anni porta con sé alcuni rischi come quello di una nascita prematura, diabete gestazionale, ipertensione e necessità di un parto cesareo. Secondo lo studio, questi rischi non aumentano passati i 50.
Lo studio ha preso in considerazione 242.771 donne, il 91% delle quali sotto i 40 anni, mentre il restante 3% aveva oltre i 40 oppure oltre i 50.
I dati indicano che, una volta superati i 40 anni, il rischio di complicazioni rimane stabile. Si tratta, tuttavia, di un rischio già di per sé alto, di conseguenza la ricerca di una gravidanza in questa fase della vita andrebbe considerata con molta cautela.

Non sei iscritto, partecipa a Okmedicina!

Autore

Sperelli

File disponibili

Nessun file caricato

Tour del sito